6 Cose che Perdi Quando ti Svegli Spiritualmente

6 Cose che Perdi Quando ti Svegli Spiritualmente

Man mano che cresciamo, diventiamo più consapevoli e anche l’amore, i nostri pensieri e le nostre azioni cambiano. Ciò non è dovuto solo al cambiamento dei nostri obiettivi, ma anche alle risorse che utilizziamo per diventare più produttivi.

Quando ci “risvegliamo” al mondo così com’è realmente, la verità di tutto ciò ci cambia dal cuore verso l’esterno. Siamo ancora umani, sperimentiamo e proiettiamo sempre negatività, ma l’entità e la durata dei cambiamenti negativi.

Sono ancora arrabbiato con cose piuttosto stupide, ma prima di diventare una palla di rabbia e autodistruzione, lo accetto così com’è e sorrido al mio cuore. Lo ringrazio per essere in grado di provare una vasta gamma di emozioni e grazie a questo amore e questa accettazione, la mia rabbia svanisce.

Ecco un elenco di alcune delle emozioni e dei concetti che abbandonerai naturalmente quando raggiungerai livelli più alti di coscienza.

 

 

Sommario

1. Odio:

La rabbia e l’odio sono purtroppo aspetti dominanti della nostra società. La rabbia è come un fuoco nelle nostre anime, che oscura i nostri occhi con il fumo e soffoca le espressioni reali. Il sentimento di rabbia è nauseabondo e del tutto distruttivo.

Dopo aver trascorso abbastanza tempo in presenza dell’amore, l’odio ci rende fisicamente malati. La forza una volta percepita che proviene dalla rabbia è vista come unidimensionale e improduttiva.

Suggerito: 7 Cambiamenti Gratificanti che Sperimenterai Durante un Risveglio Spirituale

 

 

2. Gelosia:

Gelosia

La gelosia è una diretta discendente del pensiero comparativo. Osserviamo ciò che abbiamo e lo confrontiamo con un altro. Giudichiamo quindi le due parti su elementi superficiali. Man mano che cresciamo e le persone riempiono le nostre vite di amore e opere di compassione, smettiamo di preoccuparci di ciò che gli altri hanno.

Riconosciamo che i nostri successi e fallimenti sono preziosi e insostituibili. Questo rende i nostri “beni” mentali e spirituali inestimabili. La gioia legata alle esperienze e ai nostri cari ci ha mostrato la fragilità della ricerca di oggetti fisici.

Quando vediamo gli altri con una comprensione più profonda o una forma di amore più potente espressa, siamo felici di averlo visto. Siamo pieni di gioia per il successo degli altri perché tutti meritano di essere felici.

 

 

3. Paura dell’insuccesso:

Affinché tu abbia costruito la tua coscienza e preparato i tuoi strumenti di consapevolezza, probabilmente ti sei imbattuto più di una volta.

Ma invecchiando e diventando più saggi, temiamo sempre meno. Sappiamo che il male del fallimento si estende solo a una lezione non addestrata. Accogliamo con favore tutte le opportunità di crescita e conoscenza.

I nostri “strumenti” non sarebbero così acuti se non li “affilassimo” mai sulla sofferenza.

Suggerito: 11 Strani Comportamenti che Indicano che Sei Risvegliato Spiritualmente

 

 

4. Insicurezza:

Questo figlio del pensiero comparativo è normalmente una delle prime formazioni negative a lasciarci.

L’insicurezza non può prevalere dove c’è accettazione, amore e speranza per il futuro. Ricordiamo che siamo una forma di bellezza perfetta e in costante evoluzione.

 

 

5. Ansia:

Ansia

Il futuro e il passato sono solo misteri e storie. Non permettiamo all’ignoto di ostacolarci.

L’abbiamo affrontato più volte e siamo sopravvissuti in meglio.

 

 

6. Vendetta:

Se qualcuno ci danneggia, l’impulso naturale a un certo punto era di ricambiare. Mentre conquistiamo le nostre stesse formazioni negative, arriviamo a riconoscere il dolore che alimenta gli antagonisti nelle nostre vite.

Non li odiamo, non vogliamo iniettare più negatività nel mondo. Diffidando del potenziale danno, lo evitiamo o proviamo a salvarlo dalla negatività delle loro azioni.

Suggerito: I 5 Cicli dell’Evoluzione dell’Anima! Dove ti Trovi?

 

 

Leave a Reply